FIMMG Gorizia

Sezione Provinciale di Gorizia
Vai ai contenuti
SIGLATA LA PREINTESA DEL NUOVO ACN

la firma della preintesa dell’ACN avvenuta il 5 settembre 2019, in seguito alle iniziative intraprese da FIMMG con una forte interlocuzione politica in particolare con il Presidente della Conferenza Stato Regioni Stefano Bonaccini e del Comitato di Settore Sergio Venturi, ha dimostrato la necessaria attenzione e considerazione nei confronti della Medicina Generale per affrontare e risolvere i principali temi della riorganizzazione che da anni FIMMG ritiene vitale per la sopravvivenza del Servizio Sanitario Nazionale;
Il documento sottoscritto, prevede il riconoscimento dell’incremento a regime delle quote orarie e capitaria ridefinito al 31 dicembre 2017 e il riconoscimento dei relativi arretrati calcolati per il 2018 e 2019 e la regolamentazione di quanto disposto dai cosiddetti decreti “Semplificazioni” e “Calabria” in tema di formazione specifica in medicina generale, garantendo criteri chiari e norme inequivocabili garantite dall’ACN, rispetto all’assegnazione ai medici in formazione degli incarichi rimasti vacanti dopo le procedure a favore degli aventi titolo, nonché il medesimo trattamento economico dei colleghi a tempo indeterminato.

Chiusa la partita degli arretrati e degli incrementi a tutto il 2019 (88 milioni di euro), e ottenuto formalmente la possibilità di inserimento nella medicina generale dei medici in formazione secondo un percorso tracciato dall’ACN, pur esprimendo  soddisfazione per il risultato raggiunto, abbiamo deciso di mantenere lo stato di agitazione fino a quando non si arriverà alla firma del nuovo ACN, per mantenere alta l'attenzione sulle necessità del settore.

Sono state calendarizzate le sedute delle prossime trattative, siamo fiduciosi di giungere in tempi ragionevoli alla firma di una convenzione che veda un rilancio reale di un medicina generale in grado di svolgere un vero ruolo di traino del Servizio Sanitario Nazionale nel territorio.

Firmato l’AIR 2019

Si tratta di un accordo “ponte” valido per il 2019 che traghetta i Medici di Famiglia dalla Riforma Sanitaria Regionale del 2014 e del 2018 alla medicina territoriale del futuro, anticipando alcune novità che troveranno piena applicazione con il prossimo Accordo, già in fase di discussione, previsto per il triennio 2020-2023. Anticipando quanto si sta già proponendo a livello nazionale per la prossima convenzione in questo accordo si sono poste le basi per una serie di innovazioni. L’Accordo agevola la creazione dei microteam multiprofessionali, la diffusione del personale di studio al fine di dare un servizio sempre più completo ai cittadini e sopratutto agli anziani, il mantenimento della prossimità con i cittadini, l’abbandono della logica di accentramento obbligatorio in mega poliambulatori spesso costosi e inutili e il lavoro per obiettivi di salute misurabili con i quali confrontarsi nell’attività quotidiana per migliorare le proprie performances. Questo modello di lavoro in team, la condivisione dei dati e lavorare per obiettivi sono finalizzati anche alla risoluzione di quei problemi che oggi sembrano insormontabili come le liste di attesa e i codici bianchi.


Links Utili










Via G. Di Vittorio, 3 - 34079 Staranzano (GO)

Tel./Fax: (+39) 0481 480303
Torna ai contenuti